Finché morte non vi separi

Può la morte fermare un amore sincero? Un racconto del terrore per un argomento sconvolgente. Buona lettura!
Alvise Brugnolo
Il campanile rintocca, profondo. È una campana da morto, e risuona lugubre nell’aria invernale, come un grido. Le porte della chiesa si aprono ed esce il feretro, seguito da una fila di persone ritirate nei loro baveri e nei loro colli di pelliccia di coniglio. È una folla nera come uno stuolo di cornacchie e altrettanto rumorosa. Sono venuti tutti ad omaggiare la giovane Rita. Era una ragazza a posto la Rita, anche se non si può dire certo che fosse molto fedele al povero marito, Ed. Eccolo uscire sul sagrato. Povero diavolo. Le voleva molto bene. Un paio di vecchie comari annuiscono, una lascia cadere addirittura una lacrima di cerimoniale amarezza. Ed scende i gradini con lentezza, ma non sembra particolarmente distrutto. Anzi, qualcuno dice che è in qualche modo solare, anche se vestito di nero come tutti loro. La bara viene caricata sul carro funebre da due uomini volenterosi. Qualcuno osserva che è il modo in cui tutti se ne andranno. Le comari annuiscono ancora. Qualcuno tossisce. Il viso di Ed è imperscrutabile. Bacia la bara e qualcuno giura di sentirlo bisbigliare a presto. Prima di partire per il cimitero la folla si avvicina ad Ed. Lo sommergono di baci, abbracci e strette di mano. Anche pacche sulle spalle. Com’è composto, poverino. Dite che sapesse che Rita lo tradiva? Io credo di no. Si avvicina anche Bob. Tutti sanno che era lui l’amante della moglie. L’uomo si sforza di non sembrare troppo addolorato.
«Mi dispiace Ed. Era una donna perfetta.» sussurra Bob, tendendo la mano a Ed. Il vedovo non risponde al gesto.
«Lo è ancora.» dice.
Bob ammutolisce. Ed sorride. Nessuno sa il perché.

Dalla Gazzetta di Blearwick, 10 novembre 2013
Sono entrati nella notte, con l’oscurità come complice. Hanno distrutto molte lapidi del piccolo cimitero di paese, trafugando persino una bara, quella di Rita Stewart, morta nemmeno una settimana fa. Jim Dannon, il custode del museo, sostiene di sapere chi sia stato.
«Stranieri – dice con acrimonia – vengono nel nostro paese per delinquere. Se ne tornassero da dove sono venuti!»
Attorno al povero Ed, vedovo della giovane donna, si stringe l’affetto del paese e delle forze dell’ordine, già mobilitate per rintracciare ed arrestare i colpevoli. L’accusa è quella di atti vandalici e profanazione. Ma cosa può spingere ad un gesto così sacrilego ed efferato? Ne abbiamo parlato con il Dottor S. Thompson, psicologo criminale, che da anni si occupa […]

Rapporto della polizia. 14 novembre 2013.
Abbiamo fatto irruzione nell’appartamento di Ed Stewart alle ore 22.15. La prima cosa che ci ha colpito è stato l’odore. Impossibile da dimenticare: era quello di un cadavere in decomposizione. Abbiamo trovato Ed seduto al tavolo della sala da pranzo. Sulla sedia di fronte a lui, in una posizione innaturale, c’era il corpo di Rita Stewart, deceduta da quasi tre settimane. Ed non sembrava confuso, era lucido. Ci ha chiesto più volte quale fosse il problema. Sembrava non capire. Il corpo di Rita era stato vestito e messo in posa. Davanti a lei erano stati posizionati un piatto di minestra e un bicchiere di vino. Tra le dita rigide della mano destra era stato infilato un cucchiaio. Abbiamo proceduto all’arresto. Ed ha opposto resistenza. Mentre lo trascinavamo via per portarlo alla centrale continuava a gridare:
Come fate a non capire? Lei è viva! Guardatela, è viva!
Ora è davvero perfetta!
Annunci

2 pensieri su “Finché morte non vi separi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...