La leggenda di Creekwall – Terza parte

Ecco a voi la terza parte de “La leggenda di Creekwall”. Il viaggio di Ytan si fa sempre più difficile mentre si avvicina a Stormcrow, una cittadina buia e nebbiosa. Riuscirà il male a ostacolare il nostro eroe nella sua ricerca? Leggete e lo saprete!
Alvise Brugnolo

safe_house_by_reneaigner-d6yxptz

Ytan giunse a Stormcrow mentre il sole, ridotto ad una sfera infuocata, crollava dietro le colline. Se, in quel momento, il messaggero si fosse trovato a Firehall, probabilmente avrebbe assistito ad uno dei tramonti più suggestivi da un secolo a quella parte. Ma si trovava a Stormcrow e lì, a Stormcrow, il tramonto era un tramonto come tutti gli altri.
Non appena il sole raggiunse la linea dell’orizzonte e il cielo si tinse di blu scuro, un vento gelato cominciò a spirare da oltre le colline, silenzioso e come morto; forse proveniva delle steppe di Xunomor o dalle catene montuose che circondavano Teuton, ma Ytan aveva la sensazione che crescesse proprio lì, da qualche parte nei campi giallo-grigio che si stendevano sotto i suoi occhi, in parte confusi dalla nebbia azzurrina della quale il sole, ormai quasi del tutto sparito, non era più in grado di contenere l’avanzata. Ecco Stormcrow! Tetti grigi, strade polverose, alberi ossuti e macilenti, tesi verso il cielo notturno come coscienze di moribondi.
Ytan arrivò da nordest e, per prima cosa, vide gli spaventapasseri. Stavano ritti come condannati, il loro unico piede-bastone infilato nella terra come una lapide nella terra marcia di un cimitero sconsacrato. Se quelle che avevano al posto della testa erano state davvero zucche, avevano smesso di esserlo da molto, molto tempo: sembravano teste vere, teste mostruose, con facce livide, ringhianti e deformate. Chiunque le avesse scolpite e incise con il coltello doveva essere un pazzo o un uomo malvagio o tutt’e due.
Dopo essersi guardato in giro con circospezione, Ytan si fece coraggio ed entrò in città. Stormcrow non era una brutta cittadina: aveva una piazza principale molto grande, con una fontana maestosa (raffigurava Sir Gorlock, il fondatore della città, un soldato serio e arcigno, con due baffoni a becco d’uccello che gli incorniciavano il volto); aveva lunghi viali alberati ed eleganti case in legno, con porte di ferro battuto e giardini privati ricchi di piante e fiori notturni. C’era tuttavia un’atmosfera tesa, una specie di elettricità che si avvertiva nell’aria, un freddo che si insinuava sottilmente dentro le ossa. Come se, dietro a tutte quelle belle case, ci fosse un mondo nascosto e pericoloso.
 Ytan si chiese se era questo che Igreine intendeva quando aveva detto di non lasciarsi ingannare dalle astuzie del male. Poteva essere che a Stormcrow ci abitasse qualcosa di malvagio? Qualcosa di invisibile ma tuttavia presente, nelle ombre delle strade, nelle profondità del suolo, nel cielo nero e nebuloso?
Su, messaggero, si disse Ytan, non lasciarti spaventare dagli spaventapasseri! Non sei un corvo.
Lievemente confortato dalle sue stesse parole, il ragazzo si diresse verso una piccola locanda, la cui luce, nell’oscurità della cittadina, brillava come un invito. Bussò, apri la porta, si tolse il fango dagli stivali ed entrò.
La locanda era davvero accogliente: un ambiente basso, caldo, con travi a vista, mobili in legno scuro e pentole di rame appese alle pareti. Sull’arco della porta c’era un rametto di aconito. Il locandiere, un uomo tarchiato e rubicondo, gli venne incontro con fare affabile. A Ytan piacque subito: aveva un sorriso accogliente, amichevole. Ne fu conquistato e, se aveva dubitato della bontà di Stormcrow, quei dubbi si volatilizzarono insieme al profumo di tisana che saliva da un calderone sospeso sul caminetto.
«Benvenuto a Stormcrow, straniero – esclamò il locandiere – e benvenuto nella mia umile locanda.»
«Salve, buonuomo. Mi saprebbe indicare la casa del signore di Stormcrow? So che l’ora non è la più adatta, ma ho urgenza di parlare con lui. Sono in missione per conto di Creekwall.»
«Il signore di Stormcrow starà sicuramente dormendo a quest’ora. Riposatevi e trascorrete la notte qui, abbiamo stanze comodissime. E domani, quando sarà sorto il sole, potrete parlare con il nostro signore in tutta comodità.»
E Ytan, stanco dal viaggio e solleticato dalla fragranza della tisana, decise di accettare di buon grado l’invito. Si sedette ad un tavolo e il locandiere, in un batter d’occhio, gli aveva già portato una succulenta bistecca di maiale, una zuppa di ortaggi freschi e una tazza bollente di tisana. Ytan, visto il freddo che gli si era attaccato alle ossa, si affrettò a berla. Era buonissima, con un retrogusto di arancia e cannella. Il locandiere, con quel sorriso fisso, continuava a guardarlo da un angolo del tavolo e nel farlo tamburellava le dita sulla superficie di legno.
«Buonuomo – gli si rivolse Ytan, che, nonostante la stanchezza e la fame non si era dimenticato affatto della sua missione – mi sapete dire se anche Stormcrow è stata colpita, negli ultimi dieci anni, da una terribile maledizione, la maledizione dei Silenti?»
«Ragazzo caro. Caro ragazzo – mormorò l’ometto, alzandosi e facendosi avanti – non sono cose di cui un uomo mortale dovrebbe immischiarsi. Sono cose di magia nera, sì, nera… anzi nerissima…»
«Lo so bene, ma io sono in missione per conto di…»
«…Così nera che un semplice mortale non dovrebbe neppure indagare su queste cose, oh no. La luce non dovrebbe avventurarsi nei luoghi bui, nelle cantine, nei seminterrati, nelle valli della morte, oh no, caro ragazzo, hai commesso un grave errore ad avventurarti nei campi di Stormcrow, soprattutto a quest’ora di notte.»
«Ma che state dicendo?» mormorò il ragazzo. E, ad un tratto, si accorse che i suoi occhi si facevano sempre più pesanti, sempre più stanchi e brucianti. Allora capì, capì che non solo la locanda, ma tutta Stormcrow erano una trappola.
«Che mi hai… dato da… bere?» sussurrò. Cercò di alzarsi, ma le gambe gli cedettero. Rovesciò il tavolo e finì a terra, dove le ombre dell’oblio lentamente lo sopraffecero.
L’ultima cosa che vide prima di addormentarsi fu il viso beffardo e astuto del locandiere, che gli si avvicinava quatto quatto, come un verme in cerca di un pertugio su una bara.
Quando Ytan si svegliò, si accorse che tutto si era fatto buio. Un buio denso, un buio fitto, un buio come se non ci fosse più nulla attorno. C’era tuttavia un suono, come un frullare d’ali, un gracchiare lontano. Le voci dei corvi. Ytan cercò di parlare e… si rese conto di avere un becco. Cercò di muovere le braccia ma erano diventate ali. Mandò un grido ma tutto quello che gli uscì fu uno strillo da uccello. Era un corvo, uno di quei dannati corvi che volavano in circolo sopra Stormcrow. Aprì gli occhi e vide sotto di sé i campi del villaggio e, più sotto, gli spaventapasseri coi loro cappelli, i loro vestiti sdruciti e i loro ghigni sadici. Solo in quel momento si accorse che erano sistemati in modo da formare una figura geometrica, una stelle a sette punte: un pentacolo antico, creato per intrappolare le anime degli abitanti di Stormcrow, tramutati in corvo da chissà quanti anni o secoli e costretti a volare nella prigione arcana eretta dagli spaventapasseri.
E Ytan, Ytan si era fatto intrappolare come un stupido. La sua missione era fallita miseramente ancora prima di avvicinarsi anche di poco alla sua risoluzione. Ho tradito Creekwall, si disse il ragazzo, avevano riposto le loro speranze in me e io li ho condannati. Preso dallo sconforto, chiuse gli occhi e tutto attorno si fece buio. Un buio che era un buio dell’anima.
Fu lì, in quel buio soffocante, che si ricordò delle parole di Igreine: E, nel momento in cui tutto sarà buio e il sole sembrerà non essere mai esistito, ricordati che ti ho dato questo
Il sole! Il sole di legno! Ytan lo cercò. Eppure non era lì, non poteva essere lì, perché lui non era più nel suo corpo ma in quello di un uccellaccio nero che si librava maldestramente attorno ai cieli di Stormcrow, intrappolato nel pentacolo degli spaventapasseri. Non poteva no, non poteva avercelo ancora, il sole di Igraine. Eppure… strinse le zampe. Scoprì che erano diventate mani, erano tornate mani. E quelle mani tenevano il sole di legno. Capì che la sua anima era intrappolata nel corpo del corvo ma, nonostante tutto, ancora manteneva un fragile legame con il suo vero corpo; il corpo di un ragazzo di diciotto anni, occupato in quel momento da una coscienza estranea che tuttavia si faceva sempre più debole. Sentì che il sole si scaldava nelle sue mani. Non poteva vedere quanto stava accadendo, certo che no, ma lo percepiva: era come se una luce sfolgorante si facesse largo nelle tenebre; le ombre si ritraevano ad essa, fino a condensarsi in un puntolino minuscolo, impotenti e senza più controllo. Ed ecco che il mondo tornò a farsi chiaro. Ytan smise di essere un corvo; la sua anima, ancora separata dal corpo, seguì la luce che si era nel frattempo formata nelle tenebre: era quella del sole di Igreine. La luce lo precedeva, illuminando le tenebre della maledizione. E Ytan, mentre camminava in quel tunnel oscuro, si accorse che era il lungo corridoio di un castello o di una torre. E, nel passare di fronte ad una porta aperta, vide che, seduta su un vecchio trono di legno, c’era una mummia, che lo fissava coi suoi occhi svuotati, un sorriso malefico a incresparle il volto. Era morta, ma allo stesso tempo viva, più viva di molti altri uomini.
«Resta qui, messaggero – disse ad un tratto la mummia, artigliando l’aria con le sue dita rattrappite – resta qui con me nella mia torre. Dimentica l’esercito dei Silenti e resta qui. Per sempre.»
Allora il messaggero capì che l’artefice della maledizione di Stormcrow era la principessa che si trovava nella torre di Mightcastle. Non era davvero una principessa, ma una malvagia strega, chiusa lì dentro dagli abitanti perché non potesse più nuocere. Con il tempo la leggenda era andata perduta, della strega nessuno si ricordava più. Eppure lei, nella morte, aveva acquisito maggior potere. La sua ombra si era stesa fino a toccare la pacifica cittadina di Stormcrow. Si era impossessata degli spaventapasseri, li aveva animati con la sua magia nera; lentamente, nelle teste svuotate di quegli esseri era germogliata un’intelligenza malvagia. Si erano accordati con la strega: loro si sarebbero accontentati dei corpi degli abitanti, li avrebbero occupati per poter diventare esseri viventi a tutti gli effetti; a lei invece sarebbero andate le anime degli uomini, intrappolate nei corvi perché non potessero fuggire o stabilire un nuovo legame coi loro vecchi corpi.  Ecco il segreto di Stormcrow!
«Non oserai fermarmi – gridò Ytan, rivolto alla mummia – io sono in missione per Creekwall!»
Allora la mummia si alzò dal trono e gli venne incontro, un passo alla volta, mentre il suo vestito, vecchio di secoli, cadeva a pezzi, mostrando la pelle dura come cuoio che vi stava sotto. Ytan ebbe paura, una paura folle, ma la luce, percependo il suo terrore, si fece ancora più forte. Un grido si levò allora nel buio della torre; la mummia cercò di avanzare, ma per ogni passo che compiva un lembo della sue essenza veniva trascinato via, veniva consumato dalla luce che usciva dal sole di Igreine. Ridotta ad uno scheletro infuocato, la strega si accartocciò su se stessa e sparì in un lampo di luce rossa. Nello stesso istante, la torre di Mightcastle tremò, si fessurò e crollò. L’incantesimo di Stormcrow era sciolto: i corvi tornarono ad essere corvi, gli spaventapasseri semplici spaventapasseri, gli uomini di nuovo uomini.
Ytan si risvegliò nel suo corpo. Si trovava al centro della piazza, all’ombra della statua di Sir Gorlock. Il sole era appena sorto e la nebbia, se c’era stata, era totalmente scomparsa. La maledizione della strega, finalmente, era rotta. Ytan si rialzò, fra le mani il sole di Igreine, che era tornato ad essere un semplice oggetto di legno. O forse lo era sempre stato?
Che abbia sognato tutto quanto? si disse il ragazzo, frastornato. Ma ecco che gli abitanti, i veri abitanti, uscirono dalle case, ululando di gioia al nuovo giorno.
«Viva lo straniero! – gridavano – viva il liberatore!»
Si fece avanti il signore di Stormcrow, un vecchio dall’aria saggia, con lunghi capelli bianchi.
«Quattrocento anni, quattrocento anni intrappolati qui. E poi sei arrivato tu, straniero. Ci hai ridato la libertà e ora potremo riprendere le nostre vite dove le avevamo lasciate.»
Ytan chinò la testa in segno di rispetto. Il vecchio si avvicinò ancora e lo abbracciò.
«Ma questo è un oggetto elfico – disse, non appena vide il sole di Igreine fra le mani del messaggero – dove lo hai preso, straniero? Porta impresso il simbolo della casata degli Urundar, gli elfi del reame oltre Keltar. Una casata scomparsa da almeno un secolo. Dove l’hai trovato?»
E Ytan, non volendo rivelare l’identità di Igreine, disse di averlo trovato in un campo lì vicino. Il vecchio, intuendo i sentimenti del ragazzo, non chiese più nulla.
Il resto del giorno trascorse all’insegna del divertimento: si fece una gran festa, con spiedi, litri di birra e canti. Ytan rise e ballò insieme agli altri, ma la sua mente era occupata dalla missione che doveva compiere. Non aveva molti motivi per gioire, visto il viaggio che lo attendeva.
Verso sera il messaggero si congedò e si recò nella stanza che il signore di Stormcrow, che di nome faceva Guldar, gli aveva preparato nel palazzo. Trovò il vecchio che lo aspettava seduto nella sala del caminetto.
«Se fossi in te, messaggero, andrei a trovare gli elfi. Non sono che un’ombra del popolo che erano un tempo, ma fra loro ci sarà sicuramente chi ti saprà dare un consiglio per la tua maledizione. Non amano gli stranieri e molto spesso li uccidono, ma tu che porti il sole degli Urundar avrai più possibilità di avvicinarli.» detto questo, augurò la buonanotte al suo ospite e sparì. Ytan raggiunse la sua alcova, spense la candela e si addormentò.
Dormì saporitamente e ripartì all’alba del giorno successivo, lasciandosi una Stormcrow esultante alle spalle.
Il sole illuminava pigramente la campagna, trasformando la rugiada mattutina in uno scintillio di cristalli.
Annunci

4 pensieri su “La leggenda di Creekwall – Terza parte

  1. Sono davvero entusiasta per questa terza parte … 😀 questo viaggio si fa sempre più bello …
    Una cosa però non ho capito molto bene. Se Mightcastle e Stormcrow sono due posti diversi, come può la torre di Mightcastle essere a Stormcrow? Forse sono due luoghi vicini o …. non so, qui mi sono un po’ confusa … la strega è a Mightcastle o a Stormcrow? comunque non vuole essere una critica, avrei solo bisogno di delucidazioni in proposito 🙂 …

    Liked by 1 persona

    • sì effettivamente non era molto chiaro adesso che ci penso 😉 La strega viveva nella torre di Mightcastle, ma la maledizione aveva effetto solo su Stormcrow perché lei lì aveva trovato gli spaventapasseri che aveva dotato di raziocinio. Poi Ytan, quando visita la torre, la visita in forma spirituale quindi in realtà il suo corpo è a Stormcrow ma lui si trova nel villaggio vicino 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...