Come costruisco un personaggio

types-738846_960_720.jpg

Oggi si parla di scrittura e, più specificatamente, di personaggi! Premetto che questo articolo non vuole essere un how to… ma più semplicemente una descrizione di come costruisco io un personaggio 🙂

Può sembrare strano ma non parto mai dall’aspetto fisico: è l’ultimo dei miei pensieri perché, di solito, l’aspetto dei miei personaggi si basa sulle loro caratteristiche psicologiche o sul ruolo che dovranno assumere nella storia. Sì, lo so che la fisiognomica andava tanto di moda nell’Ottocento, ma nella narrativa può ancora valere, perciò, se il personaggio è malvagio, lo descriverò in una certa maniera, se è ribelle in un’altra, ecc… Unica eccezione a questa regola? Quando voglio nascondere il ruolo di un personaggio fino al colpo di scena finale. Ad esempio, se il “cattivo” deve restare celato fino all’ultimo, allora lo descriverò in modo neutrale, nascondendo le sue malvagità dietro un volto o un corpo qualsiasi, l’aspetto che potrebbe avere il classico “ragazzo/a della porta accanto”.

Invece la prima cosa che “penso” di un personaggio è il suo ruolo, ciò che deve compiere nella narrazione e i rapporti che deve avere con gli altri personaggi. E se, soprattutto, è destinato a cambiare durante la narrazione. Se, ad esempio, da ragazzina chiusa e scontrosa diventerà una persona aperta e comunicativa. Trovo che il cambiamento del personaggio sia una delle regole chiave per una buona storia e so che è un elemento cardine di molte sceneggiature cinematografiche: pensiamo semplicemente ai film sui supereroi, dove il nerd di turno si trasforma, dopo il morso di un ragno, in un forzuto eroe in calzamaglia dai grandi poteri e dalle grandi responsabilità.

Subito dopo aver individuato il ruolo del personaggio, cerco di trovare le parole chiave in grado di descriverlo sommariamente. “Ribelle”, “timido”, “coraggioso”… Tenendomi bene a mente questi aspetti caratteriali cerco di far agire il mio personaggio in modo che sia sempre sincero con se stesso. Ovviamente se il personaggio è destinato a cambiare, ecco che anche le sue parole chiave cambieranno: la ragazzina “scontrosa” e “depressa” troverà degli amici e diventerà “felice”.

Per riassumere: per prima cosa cerco di abbozzare la storia, in modo da sapere (più o meno) dove mi porterà e quale sarà la sua conclusione. Poi definisco i ruoli dei personaggi: protagonista, antagonista, aiutante e via dicendo… Fatto questo scelgo le parole chiave, i “tag mentali” in grado di differenziare i personaggi l’uno dall’altro e dar loro (si spera) spessore. L’aspetto fisico, come ho già detto, viene da sé e di solito rispecchia il modo di essere del personaggio: una donna nevrotica sarà magra, emaciata, perennemente appiccicata alla sua sigaretta…

Ecco, questi sono gli step che seguo nella creazione di un personaggio. Ovviamente non sono regole fisse e a volte le infrango, soprattutto se scrivo un racconto breve o una storia “di getto”, ma nel caso di storie più lunghe o complesse cerco di essere più rigido. E voi? Anche voi seguite un processo simile al mio? Partite dall’aspetto fisico o dal ruolo che il personaggio avrà nella storia? Grazie e a presto 😉

Annunci

2 pensieri su “Come costruisco un personaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...