Shhhh… stiamo scrivendo!

Concentrarsi, al giorno d’oggi, è davvero difficile. Me ne sono reso conto quando ho iniziato a scrivere per la prima volta. Avevo digitato qualche riga sul foglio elettronico (una storiella insulsa, potete trovarla qui) quando, improvvisamente, mi era arrivata una notifica di Facebook, tanto inattesa quanto fastidiosa: non solo mi aveva fatto prendere un colpo, ma aveva interrotto anche il filo dei miei pensieri. Già, perché scrivere non è facile quanto respirare. No. Scrivere significa anche un po’ scendere in se stessi, e venire disturbati quando si sta pensando ad una storia è come essere risvegliati da una secchiata di acqua ghiacciata, una specie di ice bucket challenge fatta apposta per romperti le… scatole. A volte è sufficiente il parlottio della vicina di casa, il postino che grida “raccomandataaaa” o il verso di un merlo appeso al cornicione per rovinare la magia. E sapete qual è la verità?
Non sono le persone o i volatili ad essere antipatici: siamo noi “scrittori” ad essere strani; noi che speriamo di trovare, nella giungla cittadina, un luogo di tranquillità che non esiste neppure nei boschi delle fiabe! L’unica soluzione, perciò, è quella di escogitare il proprio personale sistema per isolarsi il più possibile o, almeno, per allenarsi a recuperare velocemente la concentrazione che si è perduta. Personalmente ho individuato tre regole d’oro per arginare il problema. Ovviamente la soluzioni sono molto personali e forse le mie le troverete inutili, però non si sa mai: magari potrebbero servirvi 😉 Ecco le mie regole:

  1. Eliminare il più possibile ogni fonte di distrazione: mettere il cellulare in modalità aereo, spegnere la tv, trattenersi dal fare ricerche su google, andare in bagno prima di iniziare a scrivere, bere un succo, magiare un panino ecc…
  2. Ascoltare musica. C’è chi considera la musica una fonte di distrazione. Per me non è così, anzi: non solo le cuffie impediscono ai rumori fastidiosi (ticchettio dell’orologio, asma del frigorifero, il maledetto merlo che prima o poi impallinerò) di arrivare all’orecchio, ma fanno anche sì che la musica ci avvolga completamente. La musica, secondo me, è un catalizzatore: aiuta a concentrarsi nella storia e, al tempo stesso, tiene lontani i pensieri “negativi” come la paura di non riuscire a finire la tesi in tempo (a-ehm…).
  3. Avere un libro a portata di mano. Mettete il vostro libro preferito, preferibilmente un classico, accanto alla vostra postazione di scrittura. “A che serve?” direte voi. È presto detto. Quando qualcuno, o qualcosa, vi interrompe, non disperate: aprite il vostro libro preferito in un punto a caso e leggetelo. Basta qualche riga. Cercate di riflettere in modo critico, osservando ad esempio come l’autore abbia scelto le parole giuste, usato sapientemente i verbi per creare il ritmo perfetto, descritto un personaggio, una sensazione o un luogo. Fidatevi: questo vi darà la determinazione necessaria per ricominciare e, soprattutto, farlo al meglio. È a questo che servono i grandi del passato: non solo per essere idolatrati, ma per essere “usati” (in modo costruttivo, intendo!)

Ecco, questi sono i trucchi che ho escogitato per risolvere l’eterno problema della concentrazione 😉 E voi? Avete difficoltà a concentrarvi e, se sì, quali sono i vostri stratagemmi? Grazie e a presto 😉

P.S. Nel disegno non c’è un merlo, ma un gallo. Nessun errore: ho pensato che un gallo fosse anche peggio del solito dannatissimo merlo cittadino XD Oh no… ecco che ricomincia…

SCRITTORE E RUMORE

Annunci

7 pensieri su “Shhhh… stiamo scrivendo!

  1. Io scrivo al cellulare.
    Le ricerche su Google non le elimino mai, visto che fanno parte del tempo che dedico alla scrittura. Cerco il significato dei nomi, consigli grammaticali… se ho dubbi vado lì. L’analisi delle frasi dei classici la faccio mentre leggo e mi segno mentalmente la costruzione,i termini usati etc etc…
    La musica mi distae un sacco! Mi facilita l’invenzione di storie, quindi tendo a non ascoltarla mentre scrivo o penso ad altro xD
    A me piace scrivere a letto, tranquilla… a volte lo faccio quando mi annoio e sono fuori.

    Liked by 1 persona

    • Interessante! Quindi la musica la usi mentre inventi la storia piuttosto che durante la scrittura vera e propria 🙂 E’ bello vedere come ognuno abbia il proprio metodo 😉 Io, ad esempio, non riuscirei mai a scrivere con il cellulare XD Tendenzialmente le ricerche sul web le faccio prima di immergermi nella scrittura vera e propria, sennò mi sarebbero di troppa distrazione 😉

      Mi piace

      • Io sia prima che durante. A volte mi assalgono i dubbi e devo risolverli… io ho preso l’abitudine perché passavo molto tempo in treno e in metro e pensavo. Mettevo giù sul cellulare, poi iniziai anche a prendere appunti con lo smartphone in università. Risultato? Dopo tre anni a scrivere sullo schermo ora fatico a scrivere con la tastiera, passo al pc solo per il controllo e la seconda (terza, quarta, quinta…) lettura.

        Liked by 1 persona

      • Hai avuto un’ottima idea, io durante i viaggi vengo assalito da buone intuizioni che, puntualmente, mi dimentico appena scendo dal treno XD Col cellulare proprio non ce la farei, piuttosto userei la funzione registratore (tipo lo scrittore protagonista di “1408”), è che un po’ mi vergogno a parlare a voce alta XD Dovrò farmi forza, anche a costo di sembrare un pazzo 🙂

        Mi piace

      • Io non sopporto risentirmi >.< inizialmente prendevo appunti con un quaderno, poi non capivo che avessi scritto… così quando mi capitò tra le mani l'iphone (mai chiesto, io volevo l'htc :p), iniziai a sfruttare le mail.
        Ora uso entrambi xD questa cosa mi permette di scrivere ovunque però.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...