Brividi di inchiostro – letture consigliate nella notte più nera dell’anno

ghosts-gespenter-spooky-horror-40748

Si avvicina la notte più spaventosa dell’anno. Perché non passarla al calduccio, luce di candela, coperta di poliestere, libro horror stretto tra le mani, ad ascoltare solo il rumore del vostro cuore che batte sempre più velocemente? Che senso ha uscire, quando il vero terrore si nasconde in quei piccoli segni neri che, come macchie di sangue seccato, violano il candore virginale delle pagine?
Restate a casa, ascoltate me, ascoltate la voce della vostra paura. Lasciatevi cullare dalle parole di chi, qualche secolo prima di voi, ha compiuto il trapasso, squarciando il Velo per raggiungere l’Oltreluogo. Non sentite i loro spiriti che gemono ad ogni pagina sfogliata, i loro sussurri farsi strada nelle vostre orecchie ad ogni paragrafo? Restate a casa, date retta a me. Che poi non sia mai che là fuori ci sia qualche mostro vero, in attesa che un lettore inconsapevole metta il naso fuori casa, in questa notte gelida (più o meno) di fine ottobre. Restate a casa e avrete salva la vita. Perché non si può davvero morire di paura mentre si legge un libro. O forse sì?

Ecco tre letture consigliate per una notte di terrore.

lovecraft1

  • H.P. Lovecraft. Il sommo, uno dei maggiori scrittori horror di tutti i tempi e considerato da molti uno dei pionieri della fantascienza americana. Con le sue visioni apocalittiche di mostri tentacolati e dèi abominevoli ha influenzato registi, artisti e scrittori. È dalle sue pagine che nascono successi come “It” di Stephen King, “La cosa” di Carpenter o “Hellboy” di Mike Mignola. Addentratevi in visioni nere come l’inchiostro e pregate di ritrovare la strada per tornare alla luce.

stephenking2

  • Stephen King. Lo scrittore horror più osannato e prolifico del mondo. Ha regalato al mondo alcuni dei romanzi più spaventosi di sempre. È il compagno perfetto per una serata da brivido. Anche se potenzialmente TUTTI i suoi romanzi sono una sinfonia di terrore, io ve ne consiglio uno in particolare: Misery. Se amate scrivere vi sentirete vicini al protagonista, lo scrittore Paul Sheldon, in balia di una fan decisamente fuori di testa. E allora sì che vi verranno gli incubi.

apoe3

  1. Edgar Allan Poe. Un autore che non ha bisogno di presentazioni. Critico, giornalista, poeta e narratore. Probabilmente uno tra gli scrittori statunitensi più influenti di sempre. È lui che ha fissati i canoni della letteratura dell’orrore e del giallo, oltre che della fantascienza. Lovecraft in persona lo considerava un maestro. Insomma, si merita ampiamente di far parte di questa breve lista. Tanto più che i suoi racconti continuano a spaventare dopo oltre centocinquanta anni, sempre freschi e con un ritmo invidiabile. Ce ne sarebbero molti da consigliare, ma io ve ne dirò tre in particolare: “Il gatto nero”, “Il pozzo e il pendolo” e “Il cuore rivelatore”. Vedrete che c’è un motivo per cui le opere di Poe sono diventate dei classici intramontabili.

Probabilmente molti di voi avranno già letto questi capolavori. Per tutti gli altri, è arrivato il momento di recuperare 😉
E voi, avete qualche libro da consigliare? Magari il romanzo di uno scrittore meno conosciuto, un autore contemporaneo che vi ha colpito particolarmente con le sue visioni orrorifiche. Sono curioso di sentire la vostra opinione 😉
Intanto grazie e a presto. Oh, prima di dimenticarmene… Buon Halloween! 😉

Annunci

11 pensieri su “Brividi di inchiostro – letture consigliate nella notte più nera dell’anno

  1. buona selezione Alvise! dipende però da che brivido si vuole: personalmente metterei Poe al primissimo posto a parimerito con Le Fanu e la sua insuperata Carmilla – mia recensione: http://wp.me/p7mEBP-ct -, quindi Dickens maestro dello spiritismo con la sua Casa infestata e per dare ragione al buon splatter Cabal di Clive Barker. Poi l’mportante, come dice il nostro Benni, è che “La paura è una grande passione, se è vera deve essere smisurata e crescente. Di paura si deve morire. Il resto sono piccoli turbamenti, spaventi da salotto, schizzi di sangue da pulire con un fazzolettino. L’abisso non ha comodi gradini”
    buona paura a tutti 😀

    Liked by 1 persona

    • Grazie per il tuo commento 😉 Fatalità ho il testo di Le Fanu in casa ma non l’ho ancora mai aperto. Direi che il tempo è giunto 😉 Ultimamente stavo cercando “Il popolo dell’autunno” di Bradbury ma non riesco a trovarlo disponibile da nessuna parte :-/

      Liked by 1 persona

  2. se ho stuzzicato la tua curiosità bene, vai con Carmilla e fammi poi sapere cosa ne pensi 😉
    Temo che de Il popolo dell’autunno dovrai accontentarti del formato digitale come ho dovuto fare io con L’albero di Halloween, è impossibile anche trovarli usati su aNobii… forse in qualche mercatino dell’antiquariato… :/

    Liked by 1 persona

  3. Grazie mille Wwayne! Quello che mi hai scritto mi fa davvero piacere! 🙂 Mi piacerebbe essere ancora più presente ma purtroppo riesco a dedicare al blog e alla lettura degli altri blog davvero poco tempo! :-/ Comunque, appena leggerò il libro ti farò sapere 😉 Fra poco dovrei iniziare Carmilla di Le Fanu, che mi è stato consigliato da un’altra blogger 😉

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...